logo

IL CAFFE’

imgcaffe01

L’articolo di punta del nostro Gruppo è senz’altro il caffè.
Collaboriamo con una torrefazione di Belluno, multinazionale che commercializza famosissimi marchi.

Elemento vitale per la preparazione di un caffè espresso è ovviamente la qualità della miscela.
Bere un caffè al bar deve essere un momento piacevole, in bocca si deve riconoscere il “flavour”, ossia la ricchezza e la corposità del gusto.

Il caffè, una bevanda…un luogo d’incontro.
Quando iniziò a diffondersi l’abitudine di bere questa meravigliosa bevanda cominciarono a sorgere locali dove si preparava e si vendeva caffè. Le prime caffetterie furono aperte dai Turchi a Costantinopoli e furono subito molto frequentate dagli uomini più colti, che vi sostavano per chiacchierare, ascoltare musica o concludere affari: nascevano così momenti ideali di pausa e relax.

imgcaffe02Il caffè è una bevanda ottenuta dalla macinazione dei semi di alcune specie di piccoli alberi tropicali appartenenti al genere Coffea, della famiglia botanica delle Rubiaceae. Sebbene all’interno del genere Coffea siano identificate e descritte oltre 100 specie, commercialmente le diverse “origini” sono presentate come varietà di caffè e le più diffuse sono senz’altro l’arabica e la robusta.
Le varie specie differiscono per gusto, contenuto di caffeina e adattabilità a climi e terreni differenti da quelli di origine.

BARGAIN commercializza monorigine e miscele, le più pregiate.
Ricercatori qualificati visitano personalmente le piantagioni, scelgono e selezionano le qualità, concordano l’importazione rispettando tutte le normative e le garanzie che un prodotto così delicato richiede.

Forti dunque di una qualificatissima azienda, garantiamo la fornitura delle migliori qualità di caffè.

 

 

imagcaffe01okLE SPECIE PRINCIPALI DI CAFFE’

L’Arabica

La specie che è stata usata per prima è COFFEA ARABICA, una pianta originaria dell’Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenia settentrionale ed in seguito diffusasi nello Yemen, luogo in cui, peraltro, si hanno le prime tracce storiche del consumo della bevanda già nel lontano 1450.
I semi di Coffea arabica hanno un contenuto di caffeina molto inferiore a quelli delle altre specie di larga diffusione e rispetto alle altre, è autoimpollinante, cioè autogama e predilige coltivazioni ad alta quota (tra 1000 e 2000 metri).

La Robusta

Molto coltivata oggi è COFFEA ROBUSTA (o Coffea canephora, nome considerato scientificamente più corretto ma poco usato commercialmente). È una specie originaria dell’Africa tropicale, tra Uganda e Guinea, molto adattabile (cresce anche a quote inferiori ai 700 metri) e perciò più economica. La sua coltivazione è iniziata solo nell’Ottocento. È una pianta allogama, quindi richiede impollinazioni incrociate che la possono differenziare geneticamente con più facilità rispetto alla arabica.

La Liberica

Tra le specie di coltura meno diffusa la più importante è COFFEA LIBERICA, originaria della Liberia e coltivata, oltre che in Africa occidentale, soprattutto in Indonesia e nelle Filippine.

L’Excelsa

Nel 1903 è stata scoperta in Africa una nuova specie di alberi del caffè, battezzata con il nome di COFFEA EXCELSA. Tuttavia i botanici hanno ritenuto che questa specie fosse in realtà solo una varietà di Coffea liberica e il suo nome scientifico corretto è quindi Coffea liberica var. dewevrei; la varietà continua a essere chiamata Excelsa da coltivatori e commerciali e viene considerata molto promettente.